Al via a Milano Micam e Mipel. Una vetrina da 76.000 posti di lavoro - La Verità
Home
In primo piano

Al via a Milano Micam e Mipel. Una vetrina da 76.000 posti di lavoro

Micam

  • La fiera dedicata al mondo delle calzature apre i battenti. Un comparto che continua a collezionare record nonostante la crisi. All' inaugurazione sarà presente il vice premier Luigi Di Maio.
  • Si preannuncia una settimana della moda ricca di nuovi arrivi e grandi ritorni, primi tra tutti Bottega Veneta e Gucci.

Lo speciale contiene due articoli.

La più importante manifestazione calzaturiera, il Micam, invade la Fiera di Milano fino al 13 febbraio con 1.304 espositori, di cui 716 italiani e 588 stranieri. A inaugurala il vice premier Luigi Di Maio, a dimostrazione che anche la politica presta la giusta attenzione al tema della moda. Un evento espositivo che porta in scena il meglio di un comparto che, nonostante le molte aziende chiuse, ha saputo tenere stretto un mercato dove il nostro Paese, in fatto di artigianalità, la fa da padrone. Un'eccellenza riconosciuta grazie al bello e al ben fatto di prodotti irripetibili e riconoscibili in tutto il mondo. E che in termini di numeri in Italia vale oltre 14 miliardi di euro, occupa 76.600 addetti ed esporta l'85% della produzione.

Un comparto – quello calzaturiero – che, pur in uno scenario economico sempre più complesso, ha chiuso il 2018 con una tenuta della produzione in valore e con il raggiungimento dell'ennesimo record assoluto dell'export, nonostante la ormai cronica stagnazione della domanda interna e le difficoltà su diversi importanti mercati esteri, che hanno portato ad un rallentamento dei livelli produttivi nella seconda parte dell'anno. «I risultati dell'indagine a campione condotta dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assocalzaturifici evidenziano a preconsuntivo annuo un calo in quantità della produzione italiana del -2,6%, e un +0,7% in valore», spiega Annarita Pilotti, presidente di Assocalzaturifici. «Secondo le cifre ufficiali Istat nei primi dieci mesi 2018 le esportazioni nazionali sono cresciute invece del 3,9% in valore rispetto all'analogo periodo del 2017. Tra gennaio e ottobre sono stati venduti all'estero oltre 176 milioni di paia di calzature, ma con un valore che supera gli 8 miliardi di euro: un contributo notevole al saldo commerciale settoriale che, pur in lieve flessione nei primi dieci mesi vale 3,65 miliardi di euro». Analizzando i mercati e le aree di destinazione, l'anno appena concluso registra la nuova frenata della Russia (-14,3% in quantità nei dati ufficiali Istat dei primi dieci mesi): le vendite attuali sono pari alla metà dei livelli 2013, con pesanti ripercussioni nei distretti particolarmente votati a quest'area. Andamenti disomogenei nella Ue (dove sono dirette sette calzature su dieci vendute all'estero): tengono Germania (+2% in volume, nostro primo mercato per numero di paia) e Regno Unito, ma si registrano flessioni nelle quantità per gli altri principali Paesi (Francia, che è il primo cliente in valore, Spagna, Belgio, Olanda). Incrementi dell'export si evidenziano invece in America settentrionale (+7,6%, pur con prezzi calanti) e nel Far East (dove svettano Cina e Sud Corea). Su una superficie di oltre 60.000 metri quadri presenteranno le collezioni autunno-inverno 2019/2020 tanti marchi fedele alla fiera milanese ma anche nuovi nomi. Tra le novità di punta la presentazione di un nuovo progetto, che partirà il prossimo settembre: si tratta di Plug-Mi. The sneakers culture experience, un nuovo format completamente B2c - organizzato da Fandango Club in collaborazione con Micam e Fiera Milano - dedicato al mondo delle sneaker e rivolto ai Millennials, promotori delle nuove abitudini di consumo.

«Tra sport e produttori di calzature c'è uno scambio continuo di suggestioni: dallo sport emergono esigenze, sfide e opportunità che i calzaturieri trasformano in modelli performanti e con grande contenuto moda» continua la presidente Pilotti. «Per questo, all'interno del padiglione 7 non poteva mancare uno spazio per riflettere insieme sul ruolo che le calzature sportive per eccellenza, le sneaker, rappresentano oggi per il settore e per i clienti finali: un vero e proprio laboratorio di idee per scoprire come nascono mode e tendenze e quali caratteristiche possono fare di una calzatura sportiva un cult». Del resto, quella delle sneaker, non è una passione di nicchia: nel 2017 in Italia ne sono state acquistate 26,9 milioni di paia, per 1.245,4 milioni di euro al dettaglio (dati Centro Studi Confindustria Moda per Assocalzaturifici) e si stima che il mercato globale delle di questa categoria di calzature possa raggiungere un valore di 115,6 miliardi di dollari nel 2023.

Tornando alla fiera, al padiglione 4 ci sarà il corner dedicato agli Emerging Designer. In quest'area 12 talenti nazionali e internazionali, selezionati da una giuria di esperti nel settore moda e comunicazione, presenteranno le loro collezioni all'interno di altrettante architetture espositive sostenibili. Si tratta di Anna Baiguera, Maison Ernest, Adult, Annie Gestroemi, Marie Weber, Seven all around, Balluta, Panafrica, Paolo Ronga, Me.Land, Andrea Mondin e King Ping. Nelle stesse date di Micam, in Fiera è in scena anche Mipel (10/13 febbraio) la più importante manifestazione internazionale dedicata ai bag addicted, che ogni edizione riunisce oltre 350 brand e più di 12.000 visitatori da tutto il mondo. Sostenibilità ambientale e responsabilità sociale sono i nuovi imperativi di Assopellettieri e Mipel che questa a questa edizione, targata 115, annovera 50 nuovi espositori.

Milano si prepara alla Settimana della Moda. «Grande attenzione verso i nuovi talenti e l'internazionalità»

Ansa

Si vocifera che potrebbe esserci il premier Giuseppe Conte a tagliare il nastro di partenza della Milano Fashion Week che inizierà il 20 febbraio per chiudere il 25. In calendario 60 sfilate dedicate alle collezioni autunno inverno 2019/2020, 80 presentazioni e gli immancabili eventi mondani. Accanto al glamour della fashion week milanese non possono mancare i dati economici. «Il comparto nel 2018 è andato bene» spiega Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana. «Nei primi mesi del 2019 i numeri sono in calo rispetto all'anno scorso ma molto dipenderà da quello che succede fuori dall'Italia, dalla Brexit, dai dazi e da cose che potrebbero influenzare positivamente o negativamente la moda. Speriamo si possa tornare a lavorare con scarse tensioni sui mercati internazionali. Noi siamo esportatori e un clima di tensione non ci aiuta. Il settore cresce del 3% all'anno dal 2008 a oggi. Quindi il settore non è in crisi ma c'è attenzione per le congiunture internazionali». Tante le novità. Per la prima volta in calendario le sfilate di Marco Rambaldi, giovane designer italiano, di Marios, brand nato dal genio creativo di Mayo Loizou e Leszek Chmielewsk, supportati da Cnmi; e di Alexandra Moura, stilista portoghese originaria di Lisbona. Tornano nel calendario di Milano Moda Donna Angel Chen, Bottega Veneta con il debutto di Daniel Lee e Gucci. Sfileranno co-ed (donne e uomini) Antonio Marras, Atsushi Nakashima, Bottega Veneta, Byblos, Gcds, Giorgio Armani, Gucci, Missoni, Moncler, Roberto Cavalli, Salvatore Ferragamo.

«Milano tende a organizzare eventi aperti come Moncler, il Fashion hub e altri. Si vuole far partecipare la città all'evento moda. Qui abbiamo anche tante scuole tra le più importanti al mondo. E questo muove la città e crea un'unione con i giovani, i brand, i designer, le presentazioni. Milano è una delle città più energetiche del mondo». Anche il governo crede nella moda. «Ha stanziato più fondi rispetto alle passate edizioni, quindi c'è una volontà di accompagnare il settore. Tanti tavoli aperti, sulla formazione, sull'arte dell'implementazione dei musei, c'è la volontà di fare». Il grande evento del Green Carpet sarà a settembre, per la terza edizione. «Questa edizione di Milano Moda Donna rappresenta uno specchio della creatività con un calendario che permette a ogni brand di esprimere la propria innovativa forma di comunicare e di raccontarsi. Grande attenzione verso i nuovi talenti e l'internazionalità, sono molti i brand presenti a Milano per la prima volta, grazie al nostro supporto. Sostenere i nuovi talenti è uno dei pillar di Cnmi, accanto alla sostenibilità, per questo siamo molto contenti di supportare, tra le altre, le presentazioni di Gilberto Calzolari e Tiziano Guardini, vincitori rispettivamente nel 2017 e nel 2018 del premio "Franca Sozzani Gcc Award", a riprova della nostra leadership su questo impegno».

In primo piano

La Milano da bere non c'è più. Meglio ci sono i grattacieli

Al via la settimana della moda

iStock

  • Là dove c'era l'erba ora c'è una città e le Varesine hanno lasciato posto a Porta Nuova e ai suoi grattacieli. Ritratto di una città che cambia rapidamente ma che mantiene la sua essenza tutta italiana.
  • Cosa vedere, dove dormire, mangiare o fare shopping: una guida veloce per vivere al meglio un fine settimana nel capoluogo lombardo.
  • Sessanta sfilate, 81 presentazioni, 33 eventi per un totale di 173 collezioni. È di nuovo «fashion week». Ecco il calendario degli eventi da non perdere.

Lo speciale contiene 6 articoli e una gallery fotografica.

È vero. Milano non è più quella di una volta. Il panettone non è più così buono ed è semplicemente diventato un dolce qualunque che si può gustare sotto la Madonnina come in qualsiasi altra città. Gli aperitivi della nota «Milano da bere» si sono persi, affogati in un bicchiere troppo caro e troppo spesso annacquato. E anche Sant'Ambroues, con la sua prima alla Scala e gli Oh bej o bej, non è più un granché. Lo spirito del Natale, le luci, l'albero in piazza Duomo sono finiti in un nonnulla. Non esiste più il Burghy, Fiorucci e il suo maxi store con chincaglierie di ogni genere è dimenticato al punto che le nuove generazioni si domandano il perché «quelli della vecchia Milano» guardino ancora con sospetto il maxi store di Urban Outfitters (ex H&m) in piazza San Babila. Non ci sono più Mike Bongiorno e Gino Bramieri, i comici di oggi fanno meno ridere, e anche la «Milano della moda» non se la passa poi tanto bene visto che a tenere alto lo stile della «signorina milanese» è rimasta solo la signora Pupi Solari che, con il suo negozio, è l'unico riferimento reale tra influencer e starlette che si rincorrono tra le strade della città pensando di dettare trend e stili.

Ma se pensate che per questo motivo Milano non sia più Milano, vi sbagliate. La città è semplicemente cambiata. Il ragazzo della via Gluck impallidirebbe a vedere che ora, davvero, «là dove c'era l'erba c'è una città». Gae Aulenti, Porta Nuova, City Life e i suoi palazzi futuristici. Milano ha cambiato volto, ha tradito forse un po' se stessa per diventare più internazionale e strizzare l'occhio a chi la vorrebbe più come New York e meno vecchio stile.

Quel che di Milano non cambia è però la sua essenza. Camminando per le stradine in ciottolato di Brera si può trovare ancora la vecchia maga che ti legge il futuro e che, pur non azzeccandoci mai, è un'istituzione quasi quanto il caffè con il cioccolatino da Sant'Amboeus (e che, diciamocelo, con l'omonimo stelle e strisce non ha niente a che vedere) o la pizzetta di sfoglia di Cova. Milano è cambiata, ma solo di facciata, sotto sotto è rimasta la stessa vecchia città. Veloce, in cui si pranza al volo correndo da una parte all'altra, con i mezzi pubblici sempre in ritardo, i tram che fischiano sulle rotaie e i Navigli, sporchissimi ma che di notte ti ipnotizzano.

Milano oggi sarà anche più distratta, persa dietro l'apertura di un nuovo Victoria's Secret, l'avvento di un nuovo ristorante o alla spasmodica ricerca di un invito a quella festa esclusiva (dove poi in realtà entrano un po' tutti). Ma alla fine dei conti è sempre la stessa città che si sveglia troppo spesso soffocata dalla nebbia e in cui la primavera dura sempre troppo poco e si nota dal fiorire degli alberi sulla salita di Porta Venezia.

Milano è quella in cui, l'ultimo giorno di inverno, il cielo diventa più rosa all'imbrunire, e l'azzurro è così intenso che la Madonnina luccica fino a diventare accecante.

Milano sarà anche piena di difetti, ma nonostante tutti cerchino di dipingerla come qualcosa che non è, resta on gran Milan. E come si fa a sostenere il contrario?

Mariella Baroli

Pixabay

I tetti della città e il nuovo skyline

Dove dormire

iStock

ME Milán Il Duca, Piazza della Repubblica 13. Chi sceglie di soggiornare in questo hotel cinque stelle situato in piazza della Repubblica si aspetti di avere qualche celebrity come compagno di stanza. Durante la settimana della moda - e non solo - l'hotel ospita alcuni degli ospiti più patinati delle passerelle. Il Rooftop Bar dove concedersi un light lunch o un aperitivo (che piace tanto a noi milanesi) e l'innovativa steak house americana Stk completano l'offerta extra lusso.

Mandarin Oriental Milan, via Andegari 9. Ospitato in quattro prestigiosi edifici del XVIII secolo, a pochi passi dal Teatro alla Scala, questo hotel rappresenta la quinta essenza del lusso. La Terrace Suite si affaccia sui tetti di Milano per donarvi una vista unica della città, mentre la Suite Fornasetti vi permetterà di immergervi nella mente dell'artista, circondati da opere d'arte originali.

Palazzo Parigi, Corso di Porta Nuova 1. Questo hotel, nel cuore di Milano a pochi passi da Brera, vanta la suite più lussuosa al mondo. Ma il vero fiore all'occhiello di questo albergo è la spa. Sette sale tematiche dedicate ai trattamenti - ciascuna caratterizzata dalle atmosfere più suggestive di Marocco, India, Svezia, Polinesia, Bali e Cina - e la piscina coperta di mosaici su una superficie di 1.700 metri quadrati.

TownHouse Galleria, via Silvio Pellico 8. Per tutti quelli che non si accontentano di un hotel a 5 stelle, Milano ne offre uno da sette. 48 camere di lusso che riflettono l'arte della modernità con tutti i comfort di una casa e il meglio della tecnologia. La location? Galleria Vittorio Emanuele. Per una vista da mozzare il fiato.

Savona 18 Suites, via Savona 18. Situato nella zona dei Navigli di Milano, a pochi passi da via Tortona, quartiere giovane che ospita sempre più sfilate ed eventi, questo design hotel è nato solo un anno fa. Camere arredate con prestigiosi oggetti di design (acquistabili) e iconici articoli di moda vintage rendono questo albergo la perfetta alternativa per i patiti di design.

Dove mangiare

iStock

Bar Pasticceria Leonardo, via Aurelio Saffi 7. Dimenticatevi Starbucks o altre catene simili, a Milano la colazione è un rito e il caffè si beve rigorosamente in tazze di porcellana bianca. Questo piccolo bar rappresenta la quintessenza della colazione milanese, con cornetti caldi pieni di crema, marmellata o cioccolato fondente e focacce calde e croccanti, per chi col caffè o la centrifuga predilige un tocco di salato.

Martini by Dolce&Gabbana, Corso Venezia 15. Un'atmosfera raccolta ed elegante che rimanda ai ristoranti milanesi dei primi anni Cinquanta. Le sale sono decorate con pannelli damascati e dettagli in stile barocco, mentre ogni piatto nasce da un incontro fra la passione mediterranea che contraddistingue il brand Dolce & Gabbana e il gusto per la cucina internazionale. Perfetto per una pausa pranzo o un aperitivo con uno dei cocktail speciali creati dalla collaborazione con Martini.

Giacomo Bistrot, via Pasquale Sottocorno 6. A Milano è una vera e propria istituzione. Situato vicino a piazza Cinque Giornate questo ristorante ci riporta alla vecchia Milano con il suo perfetto mix tra eleganza e semplicità. Cenate tra file di libri mentre le luci soffuse conferiscono allo spazio uno charme notturno, sofisticato e raccolto, e invitano all'intimità. Non perdetevi il loro dessert più famoso, la «bomba di Giacomo», una sfoglia che racchiude un ripieno di crema e fragoline di bosco. Sublime.

1930, location top secret. Un segreto ben custodito, a pochi passi da Giacomo Bistrot, questo bar vi riporterà alla Belle Epoque parigina. Nato da un'idea di Flavio Angiolillo e Marco Russo (già creatori del Mag Café, bar in zona Navigli) questo bar è nascosto e ci si può accedere solo su invito. Recatevi alla Caffetteria 30 e incrociate le dita. I cocktail meritano la fatica.

Alla scoperta della città

iStock

Castello Sforzesco è uno dei simboli della città

La vigna di Leonardo. Donato all'artista da Ludovico il Moro, questo vigneto è stato finalmente reso accessibile al pubblico. Sono visitabili il suggestivo cortile, alcune sale affrescate della meravigliosa Casa degli Atellani e il lussureggiante giardino che ci si aspetterebbe di vedere in una villa di campagna, non certo in un palazzo cittadino.

Fondazione Prada. Il perfetto luogo di ritrovo per gli amanti dell'arte contemporanea, gli amanti del moda e chiunque cerchi un set originale per il suo profilo Instagram. Le foto con i funghi capovolti sono ovunque, ma la fondazione è molto più di questo. Immancabile una pausa caffè al Bar Luce progettato dal regista Wes Anderson.

Il labirinto di Pomodoro. Nascosto nei sotterranei dell'headquarter di Fendi in via Solari, si trova un tesoro sconosciuto ai più che l'artista terminò nel 2011, dopo tre anni di lavoro.

Cimitero Monumentale. Un vero e proprio «museo a cielo aperto», inaugurato nel 1867, si estende su un'area di oltre 250.000 metri quadri e raccoglie tantissime opere d'arte, tutte da scoprire.

Albergo Diurno Venezia. Una struttura sotterranea inaugurata nel 1926 e che fungeva da centro servizi con bagni pubblici, terme, barbiere, manicure e pedicure. 1200 mq di magnifico stile Déco. Un tuffo nella Milano che non c'è più.

Dove fare shopping

iStock

Milano fa rima con shopping. È pressoché impossibile, infatti, scorgere in città qualcuno che non tenga tra le mani un sacchetto con il nome di un brand i moda ben in vista. Montenapoleone, via della Spiga e via Sant'Andrea, Corso Vittorio Emanuele e Corso Vercelli, sono solo alcuni dei luoghi preferiti da turisti (e non) per fare acquisti.

Ecco cinque indirizzi da non perdere.

Aspesi, via San Pietro all'Orto. Il nuovo store in via San Pietro all'Orto ha aperto le sue porte giusto in tempo per la nuova settimana della moda. Quello che in origine era un istituto bancario si trasforma in un luogo di sperimentazione estetica. L'intonaco in calce grigia è acceso da colori che giocano a rincorrersi.

Banner, via Sant'Andrea 8. Il negozio disegnato dall'architetto Gae Aulenti si sviluppa su due livelli che esprimono al meglio le caratteristiche di una modernità formale. Banner ospita alcuni dei brand più interessanti del panorama internazionale da Sacai a Norma Kamali.

Mazzolari, piazzetta Umberto Giordano 4. Storica profumeria di Milano, a pochi passi da piazza San Babila offre tutto quello che le amanti del beauty possano desiderare. Profumi ricercati, creme e make-up, in un'atmosfera unica. Imperdibile.

Issey Miyake, via Bagutta 12. Il brand giapponese sbarca a Milano con il primo store d'Italia. Gli interni minimal e il bianco lucido delle pareti fanno risaltare le forme di questi abiti in cui la semplicità è d'obbligo. Imperdibile la collezione Pleats Please, amata dalle star di tutto il mondo e le borse Bao Bao. Iconico.

Gemelli, Corso Vercelli 16. Aperta nel 1927 oggi è annoverata nell'elenco delle botteghe storiche del Comune di Milano. Non c'è milanese doc che si rispetti che non sia passata da qui per acquistare maglioncini, twinset o polo. Un'istituzione della milanesità.

Milano moda donna: in città tornano sfilate ed eventi. Ma solo per pochi

iStock

La moda invade Milano e, allo stesso tempo, la esclude. Il Fuori Moda non esiste, lontano anni luce dalle aperture all'intera città coinvolta, per farne parte, dal Salone del Mobile con lo straordinario Fuori Salone. No, la moda è per addetti ai lavori e non per tutti. Non basta essere giornalista o fotografo o buyer per entrare a certe sfilate o presentazioni. Il cerchio magico è per pochi e quei pochi son sempre quelli. Il mondo del fashion, nonostante vada a mille sui social grazie a influencer e blogger, quando si tratta di defilè, è forse uno dei settori rimasti al palo, ancorati a vecchie logiche da buttafuori che decidono chi far entrare e umilianti "no" a chi è sprovvisto del fatidico cartoncino.

Sessanta sfilate, 81 presentazioni, 33 eventi per un totale di 173 collezioni dove verrà presentata la moda del prossimo inverno 2019/2020, danno un bel da fare a tutto ciò che ci gira intorno. E non c'è stilista o designer che non voglia accaparrarsi una degna location, se non ne ha una tutta sua. Il via lo ha dato il brand Au197Sm, a metà tra un laboratorio alchemico e un atelier tecnologico, che ha ricevuto i suoi invitati al decimo piano del @Radio Rooftop (locale del 5 stelle lusso Me Milan Il Duca) per un Gold Lunch. Fiorista Bianchi è stato scelto dal Gruppo Plissè: l'azienda veneta cui fanno capo i marchi Beatrice.b, Sfizio e Smarteez taglia il traguardo dei 30 anni e si regala l'e-commerce e uno store nel Quadrilatero d'oro milanese. Cruciani e Fay danno appuntamento all'hotel Baglioni mentre Gentryportofino attende i suoi ospiti nella Sala Mengoni di Cracco in Galleria. Il ristorante Da Giacomo è la cornice ideale per Alberto Biani, stilista eccelso che da sempre presenta tra le specialità culinarie del famoso ristorante toscano.

Nuova vita per i Magazzini Raccordati di Milano. Moncler ha deciso infatti di farsi attivo promotore della riqualificazione culturale dell'area urbana a ridosso della Stazione Centrale. «Milano dimostra ancora una volta di essere sempre più inclusiva e aperta a realizzare progetti che coinvolgono il pubblico. Sono molto orgoglioso che Moncler partecipi alla riqualificazione di un'area urbana di Milano cosi significativa per riportarla a nuova vita perché credo che lo sviluppo di un'azienda non possa che avvenire in sintonia e nel pieno rispetto della comunità» afferma Remo Ruffini, Presidente e Ceo di Moncler.

Milano Moda Donna verrà inaugurata il 19 febbraio con una giornata dedicata agli eventi, ad aprire la Fashion Week lo special event di United Colors of Benetton con la direzione artistica di Jean-Charles de Castlebajac. A concludere questa edizione "A Special Night to celebrate young Talent & to look to the Future" evento esclusivo organizzato dal Comune di Milano, Camera Nazionale della Moda Italiana e S.Pellegrino che sarà l'occasione per celebrare i giovani talenti presenti in calendario, alcuni young chef e l'importante anniversario dei 120 anni di S.Pellegrino. Durante l'intera fashion week saranno organizzati degli appuntamenti speciali tra i buyers The best shops, i trend scouters migliori a livello nazionale, appartenenti a Camera Italiana Buyer Moda e i talentuosi designers selezionati da Camera Nazionale della Moda Italiana che esporranno le loro meravigliose creazioni al Fashion Hub Market, presso lo Spazio Cavallerizze all'interno del Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano.

Anche in questa occasione la "Fashion Week Insider's Guide" racconta le novità della settimana della moda, i luoghi inediti e gli appuntamenti imperdibili a Milano, la copertina è stata realizzata da Jacopo Rosati. La guida sarà anche scaricabile su cameramoda.it.

La Fashion Week milanese potrà inoltre essere seguita live su cameramoda.it, streaming delle sfilate, video e fotogallery delle collezioni saranno disponibili anche sull' App di CNMI, mentre gli aggiornamenti in tempo reale sui profili social Twitter, Instagram (@cameramoda) e Facebook. Video delle sfilate e contenuti speciali saranno trasmessi anche sul maxischermo in Piazza San Babila.

Paola Bulbarelli

In primo piano

Adesso è clandestino persino l’olio. Una truffa da oltre 20 milioni di euro

Ansa

La grande distribuzione strozza gli agricoltori e loro si difendono con un raggiro: fingono di vendere olive italiane agli imbottigliatori, che in realtà si riforniscono all'estero. E in Europa nessuno controlla.
In primo piano

Sull'Iran la Merkel è ancora contro gli Stati Uniti

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

La cancelliera tedesca si è scontrata con il vicepresidente americano Mike Pence sulla questione iraniana. Tra i 62 Paesi partecipanti alla conferenza di Varsavia non figuravano Francia e Germania, che delle sanzioni contro il regime degli ayatollah non vogliono proprio sentir parlare. Presente, invece, il ministro degli Esteri italiano, Enzo Moavero Milanesi.

In primo piano

«Così difenderemo il latte e le olive»

Ansa

Il ministro Gian Marco Centinaio: «Sto preparando un piano nazionale per l'olio. Faremo come in Spagna e da importatori diventeremo esportatori. Ai pastori sardi non servono sussidi. Le imprese del Nord sono deluse dai grillini».
In primo piano

Rosso piccante. Brucia il palato, però fa bene. Ecco le virtù del peperoncino

Giphy

  • È antibatterico, ricco di carotene e di vitamine, riequilibra la pressione, lenisce il dolore agli arti e ai nervi, stimola il metabolismo. E c'è chi riesce e mangiarne pure un chilo.
  • Armoniosi contrasti: come «reinventare» il gusto degli gnocchi.
  • La ricetta di Jamie Olivier: una salsa «elegante» da conservare in frigo.
  • Per accompagnare l'hamburger: insieme a un po' di rucola è un'apoteosi di sapore.
  • Lo sapevi? Sono 5 le varietà di peperoncino maggiormente diffuse e coltivate nel mondo.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

L’altra faccia del dramma degli abusi: tra le vittime anche tante religiose

Ansa

  • Al vertice voluto da Bergoglio per combattere pedofilia e aggressioni sessuali del clero si affronterà anche il tema delle suore che hanno subito violenze da parte di «colleghi». Ecco dove è più diffusa questa piaga.
  • Il volume choc sui preti gay inguaia l'entourage del Papa. Con il suo metodo ambiguo, l'autore di Sodoma cita fonti vicine al Pontefice secondo cui «Viganò aveva riferito a Francesco di McCarrick». Come scrisse l'ex nunzio.
  • «Mi fidavo e lui ne ha approfittato. Ma il mio stupratore è stato coperto». Abusata da un prete quando era Carmelitana, la religiosa ucraina Claire Maximova ha raccontato la vicenda in un libro: La tirannia del silenzio.

Lo speciale comprende tre articoli.

In primo piano

«Cari 5 stelle, non badiamo ai sondaggi»

Ansa

Il sindaco della Capitale Virginia Raggi: «Le Lega ci sta rubando voti? Questo modo di ragionare da vecchia politica va superato. Servono azioni concrete. Per esempio: grazie al decreto sicurezza di Salvini avremo più forze dell'ordine a Roma».
In primo piano

Parla l’uomo del guru Bannon: «Steve federerà i sovranisti»

Ansa

Benjamin Harnwell, il braccio destro dell'ex consigliere di Donald Trump sta per aprire un'accademia nell'abbazia di Trisulti: «I leghisti verranno a scuola da noi. Aiuteremo i populisti europei a fare rete».