La società non è liquida, ma gassosa ed è fondata sul deodorante spray - La Verità
Home
In primo piano

La società non è liquida, ma gassosa ed è fondata sul deodorante spray

Ansa

I profumi che scacciano i cattivi odori generano un mercato da 18 miliardi di dollari. Eppure c'è chi si ribella alla dittatura del gradevole. Sono i ragazzi americani che proprio non ne vogliono sapere e i Vip come Cameron Diaz e Sting.
In primo piano

La rossa Feltrinelli fa le consegne con i rider

Ansa

L'azienda che fu del rivoluzionario Giangiacomo si affida a Glovo, il gruppo criticato per le paghe basse concesse ai collaboratori, per recapitare i suoi libri. Così diseducherà i lettori a entrare nelle librerie, dove i dipendenti sono in contratto di solidarietà.
In primo piano

Anche i boschi sono colonizzati. Così dobbiamo importare legname

A un anno da Vaja, il tornado che si è abbattuto su Veneto, Trentino e Friuli, si scopre che non sappiamo sfruttare i nostri alberi. Rinunciando ogni anno ad almeno 800 milioni di euro. A beneficio di austriaci e cinesi.
In primo piano

Open arms va in Spagna, finita la pantomima

Ansa

  • Messo a disposizione un porto alle Baleari. L'Ong non ha più scuse per insistere con lo sbarco in Italia, però sostiene di non poter navigare: «Emergenza psicologica». Chiedono scafi governativi e poi addirittura un aereo: «Costa soltanto 240 euro a persona».
  • Gli spagnoli «accolgono» una barca che batte la loro bandiera e fanno demagogia sulla tolleranza. In realtà i clandestini crescono del 165% e Pedro Sánchez vuole arginare il fenomeno, proprio come la Lega.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Si è costituito il killer della barista di Reggio

Ansa

Il marocchino Hicham Boukssid, già espulso due volte, era sporco (forse del sangue della vittima) quando è entrato in una caserma della città emiliana. Ha indicato ai militari l'esatto nascondiglio dell'arma del delitto. L'epilogo dopo dieci giorni di caccia all'uomo.
In primo piano

Washington appoggia l’azzardo leghista contro l’asse tra Cina, Francia e Germania

Ansa

Se Matteo Salvini ha rotto, è anche perché sa che gli Usa lo supportano nella sfida a dem e grillini, fedeli a Pechino, Parigi e Berlino.