Europee 2019, Brandi e Coghe: «Ecco i candidati per la vita e la famiglia» - La Verità
Home
In primo piano

Europee 2019, Brandi e Coghe: «Ecco i candidati per la vita e la famiglia»

notizieprovita.it

«Abbiamo chiesto un impegno solenne e concreto ai candidati delle prossime Europee 2019 sottoponendo alla loro attenzione il nostro Manifesto per la Vita e la Famiglia. E diversi candidati al Parlamento Europeo hanno promesso di rispettare quattro punti fermi nella loro azione politica per cambiare rotta, per cambiare il vento in Europa», hanno annunciato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vicepresidente di Pro Vita & Famiglia e del Congresso delle famiglie di Verona che hanno scelto la Giornata internazionale della Famiglia per l'annuncio.

«Nel nostro Manifesto abbiamo proposto», hanno poi aggiunto Brandi e Coghe, «di contrastare in ogni modo la legalizzazione, la diffusione e l'agevolazione della pratica dell'utero in affitto, di far rispettare a ogni livello l'art 26/3 della Dudu perché i genitori hanno diritto di priorità nella scelta del genere di istruzione da impartire ai loro figli, di contrastare seriamente la sessualizzazione precoce dei bambini e degli adolescenti e di promuovere a livello comunitario l'istituzione di uno specifico fondo 'salva-famiglia' per la natalità e i nuclei familiari numerosi e/o in difficoltà con modalità e procedure comuni negli Stati membri».

Per scoprire chi sono e per quali partiti corrono, rimandiamo alla pagina del nostro sito www.notizieprovita.it/candidati dove potrete conoscerli e vederli in una foto col nostro Manifesto sottoscritto.

In primo piano

I Conticini investono 800.000 euro in un grande albergo

I parenti di Matteo Renzi, già nella bufera per i soldi svaniti dell'Unicef, hanno puntato su una società di hotel, usando pure conti offshore.
In primo piano

La teste: «C’erano due neri con Pamela»

Ansa

  • Il legale della famiglia Mastropietro ha raccolto una nuova testimonianza, messa a verbale davanti ai carabinieri, da parte di una signora maceratese: «Mia figlia abita vicino a via Spalato, ho visto due africani seguiti dalla ragazza, imbambolata».
  • Gli stranieri delinquono più degli italiani. La Onlus lo dice sottovoce. Il report sui detenuti di Antigone fa professione di antirazzismo. Eppure, a leggerli bene, i suoi dati sulle carceri parlano chiaro.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Cari onorevoli cancellate il bavaglio dell’Agcom

Ansa

Il regolamento del Garante per le comunicazioni limita la libertà di stampa. Il pensiero unico rischia di diventare obbligo di legge.
In primo piano

I compagni ti insultano anche se gli fai un piacere

Ansa

L'Unità, quotidiano fondato da Antonio Gramsci e per anni organo del Pci, manca dalle edicole dalla metà del 2017. La caduta del Muro di Berlino, ma soprattutto dell'utopia marxista, aveva già ridotto al minimo i lettori. Al resto ci ha pensato Matteo Renzi, imponendo come direttore l'ex presidente dell'acquedotto di Firenze. Risultato, dopo un breve periodo con Sergio Staino alla guida del giornale, L'Unità ha cessato (...)
In primo piano

All’«Espresso» arruolano Bergoglio. E lui li beffa parlando contro l’aborto

Ansa

Il settimanale di sinistra mette in copertina il Papa in costume da Zorro nominandolo leader dell'opposizione. La sinistra s'indigna per i rosari di Matteo Salvini. Poi coccola il Pontefice, ma non quando si batte in difesa della vita.
In primo piano

Battiston ricorrerà per tornare all’Asi. È il suo piano B se non va in Europa

Ansa

Il Tar ha certificato la bontà della sua rimozione dall'Agenzia spaziale, lui rilancia al Consiglio di Stato. Mentre è in lista col Partito democratico.
In primo piano

Si può ribaltare l’Ue. Ecco come usare la scheda elettorale (e non sbagliare)

Attenzione, alle europee vige il proporzionale puro. La soglia di sbarramento è al 4%. Il trabocchetto delle preferenze «rosa».
In primo piano

Bruxelles non è la cura ma il paziente che fa ammalare anche gli europei

Ansa

Il sogno dell'Europa di sbarazzarsi degli Stati nazionali è fallito. L'eguaglianza imposta a tutti ha portato malessere e depressione. Eppure i burocrati insistono nel mettere al primo posto il controllo della spesa.
In primo piano

Sei del Pd? Allora puoi odiare i rom

Ansa

Il «Corriere della Sera» intervista un militante democratico di Torre Maura. In strada gridava di bruciare i nomadi, però è di sinistra, dunque «non è razzista, solo stanco».