Maria Elena Capitanio
In primo piano

«Non c’è democrazia senza la sovranità»

Matteo Lavazza Seranto

Il filosofo Gabriele Giacomini illustra i cambiamenti della rivoluzione digitale: «Internet ha generato dei partiti di tipo nuovo, come quello di Grillo, ma il voto online non è la risposta che ci serve. Un Senato eletto a sorteggio, invece, potrebbe bilanciare il dominio degli esperti».
In primo piano

Maria Antonietta li profumava, Cleopatra li riempiva di lacrime: la storia passa da un fazzoletto

Contenuto esclusivo digitale

Nell'archivio storico di Lineapiù, grande azienda di filati per la maglieria, La Verità è andata alla scoperta della nuova sala dedicata alle collezioni di pizzi, ricami e campionari tessili. Grande protagonista, il fazzoletto, di cui abbiamo potuto tracciare la storia attraverso i libri antichi e le riviste di costume e moda raccolti nelle due librerie dello spazio fiorentino. Si racconta che Cleopatra inviasse ad Antonio fazzoletti intrisi di lacrime, ma già si parlava di rettangoli di tessuto bordati di frange nella Cina dell'anno mille prima di Cristo.

In primo piano

Beffa Eni in Nigeria. Nella gara delle navi spunta il nipote del ministro indagato

Saipem perde commessa da 5 miliardi. Ora in lizza una joint venture con Ken Etete. Ieri udienza sulle presunte tangenti, il processo di Milano dove sono imputati per corruzione internazionale l'attuale amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, il suo predecessore, Paolo Scaroni, il chief operation and technology officer della multinazionale italiana, Roberto Casula.
In primo piano

La fattura elettronica regala alle Entrate le chiavi delle aziende

Contenuto esclusivo digitale
  • Con l'entrata in vigore della fatturazione elettronica l'Agenzia delle entrate verrà a conoscenza di informazioni che poco hanno a che fare con le verifiche fiscali: dati su beni venduti, con tanto di descrizione, di sconti applicati, di fidelizzazioni, di abitudini di consumo. Per questo l'authority ha posto il veto: rischio privacy ma anche ulteriori accertamenti.
  • Un anno fa Ecofin pubblicò l'elenco dei paradisi fiscali extra Ue con l'obiettivo di impedire scandali come i Panama papers. Ma alcuni stati membri che hanno deciso di favorire giurisdizioni extra Ue amiche, hanno finito per depotenziare gli sforzi europei di creare una lista seria e concreta. La lista Ocse si è rivelata molto più efficiente.
  • La commercialista Rosanna Acierno spiega come funziona la superanagrafe dei conti correnti e aggiunge «La rottamazione ter riguarda le contestazioni di somme già passate in riscossione e permette di avere uno sconto su sanzioni, interessi di mora e aggio di riscossione».

Lo speciale contiene tre articoli.



In primo piano

Le scuse di D&G non placano l’ira dei cinesi

Dopo il putiferio scatenato dallo spot accusato di essere offensivo e sessista, gli stilisti ammettono in un video: «Abbiamo sbagliato» Negano di aver scritto sul loro profilo Instagram che il Paese è «ignorante, sporco e puzzolente». E danno tutta la colpa a un hacker.
In primo piano

360 milioni di fatturato valgono bene le scuse in cinese di D&G

Contenuto esclusivo digitale

I due stilisti italiani hanno lanciato un video messaggio di scuse dopo le critiche ricevute in Cina per lo spot del loro evento a Shanghai.

In primo piano

Quanto avrete di pensione con quota 100

LaPresse

  • Lo studio di Itinerari previdenziali smentisce l'allarme di Tito Boeri e soci: con l'anticipo, l'assegno mensile netto è sì inferiore ma la cifra incassata in totale è superiore in virtù dei minori contributi versati e degli anni in più in cui si gode della misura.
  • Matteo Salvini replica durissimo al presidente: «Ha stufato. Lasci e si candidi con il Pd».

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Il 5G cinese contro i terremoti

Il colosso Zte ha presentato a L'Aquila il centro di ricerca sulle frequenze di quinta generazione. L'ad Hu Kun: «Progetto di lungo termine per integrare la smart city».

Lo speciale contiene due articoli.

Nel 2020 in Italia arriverà il 5G, cioè la quinta generazione della comunicazione mobile. Queste tecnologia, come è stato illustrato nel primo summit italiano organizzato all'Aquila dalla compagnia cinese Zte, permetterà di ridurre la latenza nell'utilizzo di Internet, cioè renderà le nostre interazioni con i device digitali molto più veloci, quasi istantanee.

La compagnia cinese Zte, che è una delle quattro aziende di telecomunicazioni più importanti al mondo, sta partecipando attivamente alla sperimentazione in Italia attraverso varie iniziative. Una di queste, con il sostegno del Ministero dello sviluppo economico, è ora in atto nelle aree di Prato e dell'Aquila insieme a Open fiber e Wind Tre.

«L'Italia è per noi un Paese molto importante», ha detto Hu Kun, giovane amministratore delegato di Zte Italia. «E il nostro investimento qui è di lunga durata». Nel capoluogo abruzzese – tra le cinque città selezionate dal Mise per la sperimentazione – è stato creato dal colosso cinese lo Zirc, centro di innovazione e ricerca focalizzato su servizi e tecnologie innovative, dove è a disposizione di ricercatori e sperimentatori una data room avanzatissima con gli ultimi dispositivi anche prototipali. Essa è inserita in un ecosistema di imprese e pubbliche amministrazioni locali e centrali allo scopo di testare i casi di utilizzo del 5G.

Si prevede che gli scenari di applicazione di quest'ultimo includeranno la comunicazione mobile massiva, con un'esperienza utente più fluida, ma soprattutto, nel settore dell'Industria, permetteranno il controllo wireless dei processi di produzione, la chirurgia medica a distanza, l'automazione della distribuzione e la sicurezza del trasporto. Inoltre, si sta lavorando all'uso del 5G anche per garantire collegamenti su dispositivi a basso costo e con una durata di batteria molto lunga.

Ieri all'Aquila sono state svolte diverse dimostrazioni pratiche, tra cui quella che offre soluzioni per la prevenzione dei terremoti e la gestione dell'emergenza. Zte, che era stata messa in grave difficoltà dal ban degli Usa (il veto imposto da Trump alle aziende che hanno rapporti commerciali con L'Iran e la Corea del Nord), ha poi ripreso la sua regolare attività ed è pronta a rivoluzionare la comunicazione mobile globale scommettendo proprio sull'Italia. «Questa tecnologia sarà uno spartiacque per il modo di produrre e il modo di lavorare», ha ribadito Kun. «Grazie a una velocità paragonabile a una reazione umana si possono sviluppare innumerevoli applicazioni, tra cui quella della connessione tra le auto o tra le auto e i semafori. Con questa velocità le auto potranno interagire autonomamente in tempo reale, evitando o riducendo significativamente gli incidenti», ha aggiunto. «Continuiamo a lavorare con i partner e a collaborare con il governo affinché la roadmap sia pienamente percorsa», in quanto «siamo l'unica azienda al mondo ad essersi piazzata per otto anni fra i primi tre posti nella classifica mondiale dei brevetti e ad essere stata al primo posto per ben tre anni».

Per Jeffrey Hedberg, ad di Wind Tre, intervenuto al summit, ha spiegato che la sua compagnia «sta realizzando modelli di business che trasformano gli operatori Tlc da fornitori di connettività a sviluppatori di ecosistemi e servizi smart per aziende e cittadini». Dopo la gara 5G, il cui esito è stato reso pubblico dal Mise il 2 ottobre scorso, «nell'accelerazione sui piani di investimento gli operatori delle telecomunicazioni stanno facendo la loro parte, ma è necessario che tutti gli attori politico-istituzionali e i regolatori diano il loro contributo per favorire la creazione di un nuovo ecosistema».

Colosso da 84.000 dipendenti sbarcato in Italia nel 2005

Italia culla della sperimentazione del 5G, la tecnologia che renderà la nostra comunicazione mobile più veloce e fluida. E a guidarci verso questa metà sarà la Zte Corporation, nata nel 1985, oggi quotata alle borse di Shenzhen e Hong Kong. La società cinese, che lavora con più di cinquecento operatori in oltre centosessanta Paesi e che ha in organico 84mila dipendenti, opera in Europa da 15 anni, e solo nel nostro Paese, in cui è presente dal 2005, è passata dall’avere quasi cento dipendenti nel 2016 a più di mille nel 2018. Zte, che a livello globale nel 2017 ha registrato un fatturato di quasi 14 miliardi di euro, con un tasso di crescita del 7.5% rispetto all’anno precedente, investe ogni anno almeno il 10% del fatturato in attività di ricerca e sviluppo, posizionandosi tra le prime società internazionali che partecipano fattivamente alla definizione di nuovi standard nel settore delle telecomunicazioni. Il gruppo, a livello mondiale, conta 20 centri di ricerca e sviluppo all’avanguardia – in Usa, Canada, Cina ed Europa – ed impiega oltre 30mila professionisti della ricerca in tecnologie di nuova generazione come 5G, IoT, NFV, SDN, Cloud computing e Big data. Nel 2017, per il settimo anno consecutivo, Zte è rientrata nella classifica dell’Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale (Wipo) tra le prime tre aziende in materia di brevetti: oltre 30mila domande approvate, di cui 1.700 realtive al 5G, settore nel quale è leader indiscussa. Quanto all’Italia, la volontà del gruppo è quella di farne l’hub centrale delle operazioni di Zte in Europa e il cuore delle sperimentazioni del 5G e dei suoi servizi. Una strategia di lungo periodo che prevede l’investimento di circa 500 milioni nei prossimi 5 anni, oltre ai 100 già investiti. Zte Italia consta di due divisioni: Zis (Zte Italia Servizi) e Zirc (che è il centro situato all’Aquila in cui si è appena tenuto il summit sul 5G). A Livello locale, l’azienda ha avviato collaborazioni con oltre 100 aziende italiane. Non solo: «Abbiamo collaborato con l'Università dell'Aquila e con i partner commerciali per dare vita con successo a un'applicazione per il monitoraggio dei terremoti basata su tecniche 5G», ha spiegato Xiao Ming, presidente global sales. «Su questa piattaforma ci dedicheremo ad accelerare lo sviluppo commerciale consentiremo a 5G di penetrare la nostra vita il prima possibile. Credo fermamente che il 5G cambierà la nostra industria, l'agricoltura, il commercio, l'intrattenimento e persino il nostro stile di vita». L’Italia, in tal mondo, andrà sempre di più verso il cosiddetto Internet delle cose (IOT), cioè verso l’implementazione di tecnologie che permettano di collegare ala Rete qualunque tipo di apparato. Tutto ciò, per partire, ha necessità di adeguate infrastrutture, che sono esattamente ciò a cui la cinese Zte sta lavorando, compresa la realizzazione in house di particolari chip per mettere in connessione device e altri strumenti di uso quotidiano. Entrando nel dettaglio di Zte Italia, esistono due business unit: terminali e network. La prima si occupa di automotive e di commercializzazione cosiddetta “a basso rischio” di prodotti di telefonia mobile con i principali operatori sul territorio italiano. La seconda, invece, è diretta a trovare soluzioni per telecomunicazioni wireline e wirless, dispositivi fissi e mobili, con un focus sulle architetture hardware. Negli ultimi anni Zte si è resa protagonista di numerosi accordi e operazioni strategiche nei settori di infrastruttura di rete. Risale al dicembre 2016 la partnership con Wind Tre, finalizzata alla realizzazione di una rete unica che permetterà la riconversione tecnologica di ammortamento orientata al 5G in tutto il Paese. Come ha spiegato durante il summit sul 5G dell’Aquila Benoit Hanssen, cto di Wind Tre, «la nostra rete, che comprende 400 angoli dell’Italia, per ora è stata modernizzata al 50%, ma contiamo di arrivare al 100% nel corso del 2019». Secondo le stime di Jeffrey Hedberg, ceo di Wind Tre, grazie alla tecnologia 5G «verranno generati 151 miliardi di euro».