Marco Patricelli
In primo piano

La Polonia è resuscitata un secolo fa pagando un prezzo di 450.000 morti

Oggi si festeggia la ricostituzione di uno Stato che per 123 anni era stato spartito tra Austria, Russia e Prussia. Il ritorno all'indipendenza fu guadagnato dal valore di 2 milioni di soldati durante la Prima guerra mondiale.
In primo piano

Tex trova casa tra Montegrotto e il West

In provincia di Padova sorgerà il parco a tema voluto da Giorgio Bonelli. Un villaggio di frontiera in piena regola che occhieggia a un accampamento indiano e a un pueblo messicano. Dove poter rivivere le avventure del più longevo e celebrato fumetto italiano.
In primo piano

Mussolini liberato sul Gran Sasso, un falso storico che ha retto decenni

L'operazione Quercia del 12 settembre 1943 ha una verità nascosta: una sorta di accordo segreto italotedesco per consegnare il Duce ai nazisti. Non c'erano misure cautelative e non vi fu alcuna reazione dei nostri soldati.
In primo piano

A Praga l'Urss cancellò la favola del «socialismo dal volto umano»

Il 20 agosto 1968 i cingoli dei carri armati sovietici travolsero tram e automobili, insieme con un formicaio di gente comune. Niente poteva fermare l'esercito dell'invasione che decretò la fine della «primavera».
In primo piano

Quando l’omerico Mieli s’appisola la Grande storia diventa piccola

LaPresse

Due sfondoni dell'ex direttore del Corriere nella trasmissione su Rai 3. La principessa Mafalda non fu affatto arrestata in Bulgaria. E poi quel collegamento senza senso tra Napoleone III e Vittorio Emanuele III...
In primo piano

Un ragazzo torcia umana in piazza preannunciò la fine del comunismo

Una mostra su iniziativa italiana celebra il centenario della nascita dello Stato cecoslovacco e il 50° della Primavera di Praga, di cui fu eroe Jan Palach. Prima che i carri armati sovietici schiacciassero la speranza di un Paese.
In primo piano

Non fu la Resistenza a salvare l’Italia. La verità è nei cimiteri militari alleati

La versione agiografica della liberazione dal nazifascismo avvenuta grazie alla lotta partigiana non quadra. Sono le cifre a smentirla. Quella dell'Anpi è una memoria parziale e sbilanciata. Se ne è accorto anche Paolo Mieli.