Carlo Tarallo
In primo piano

Da Fi via libera ufficiale a Foa in Rai. Venerdì il voto per la presidenza

LaPresse

Giorgio Mulè: «Ora si può fare». Il parere legale gialloblù apre le porte al giornalista in Vigilanza.
In primo piano

Il pallone d’oro dei renziani di ferro. Serra rimpatria per pagar meno tasse

LaPresse

Il finanziere, storico sostenitore del Bullo, sfrutterà la legge di Paolo Gentiloni che agevola i milionari. Quella che ha attirato CR7.
In primo piano

Conte fa il vice Salvini: basta con l’accoglienza senza limiti

LaPresse

  • Il premier riferisce al Senato sulla vicenda della nave Diciotti: «Una brutta pagina per l'Ue. Non siamo più disponibili agli ingressi indiscriminati». Ed è scontro con Malta.
  • Il think thank Institut Montaigne propone di insegnare la lingua araba già alle elementari. Il ministro dell'Istruzione Jean Michel Blanquer approva, ma viene sommerso dalle critiche e deve tentare una mezza retromarcia.
  • Nonostante l'opposizione di Lega e Casapound, il rettore dell'università di Verona cambia idea sulla cancellazione dell'incontro dedicato all'accoglienza arcobaleno.

Lo speciale contiene tre articoli.

Una informativa dettagliatissima, accompagnata da scroscianti applausi da parte di Lega e M5s: ieri, al Senato, il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto sulla vicenda della nave Diciotti e ha chiarito (se ancora ve ne fosse bisogno) tutti gli aspetti della questione. Conte ha esordito con un passaggio prettamente politico: «Quello che è cambiato rispetto al passato», ha detto, «è che l'Italia non è più disponibile ad accogliere indiscriminatamente i migranti, contribuendo seppure involontariamente a incrementare il traffico di esseri umani e supplendo alla responsabilità che spetta all'Unione europea, ottundendo il vincolo di solidarietà che grava su ciascuno Stato membro».

Conte non ha risparmiato critiche alle autorità maltesi: «Le operazioni di sbarco dei migranti soccorsi dalla nave Diciotti d ad avviso delle autorità italiane permanevano in capo alla responsabilità di Malta. Constatata l'inerzia delle autorità maltesi», ha spiegato Conte, «il nostro comando generale valutava come probabile la necessità di intervento di soccorso per trasferire su altra unità tutti gli occupanti, o una parte, del barcone a largo delle coste di Lampedusa. Stante l'elevato numero di migranti, il comando generale disponeva l'avvicinamento in zona di nave Diciotti. Con l'aggravarsi della situazione sul barcone, con un concreto, imminente pericolo di vita dei migranti, con un peggioramento del meteo, il comando generale della Capitaneria di porto disponeva un intervento immediato dei mezzi italiani, a largo di Lampedusa. L'autorità maltese», ha scandito Conte, «rispondeva dichiarando la volontà di non intervenire, nonostante fosse stata avvertita che il barcone era in procinto di affondare con i migranti».

Conte ha poi snocciolato i particolari della vicenda: «Dopo che i migranti soccorsi da motovedette italiane», ha detto, «su un barcone in difficoltà il 16 agosto sono stati trasferiti sulla nave Diciotti, la stessa è rimasta nelle vicinanze di Lampedusa fino al 19 agosto, in attesa della definizione con le autorità maltesi delle operazioni di sbarco, per poi approdare il giorno dopo a Catania per uno scalo tecnico su indicazione dei vertici del dicastero delle Infrastrutture e trasporti, in attesa dell'eventuale indicazione del Place of Safety da parte del ministero dell'Interno».

«Il 22 agosto», ha aggiunto poi, «non appena avuto cognizione della loro presenza a bordo, con l'unità in porto a Catania, il Dicastero dell'Interno autorizzava un primo sbarco dei 27 minori non accompagnati nei centri di accoglienza dedicati della provincia di Catania, anche in conseguenza delle interlocuzioni con il Procuratore della Repubblica dei minorenni di Catania».

«Nei giorni in cui la nave Diciotti è stata ormeggiata nel porto di Catania», ha proseguito il premier, «è stata costantemente assicurata ogni necessaria assistenza ai migranti. Il 25 agosto è stato comunque autorizzato lo sbarco dei migranti nel porto di Catania. L'operazione è stata conclusa senza alcuna criticità nella notte tra il 25 e il 26 agosto con il loro trasferimento presso l'hotspot di Messina. Tutti i migranti al momento dello sbarco hanno manifestato intenzione di richiedere la protezione internazionale». Tra i vari passaggi dell'informativa di Giuseppe Conte, uno in particolare ha suscitato emozione e apprezzamento da parte della maggioranza: «Senza l'intervento concreto e diretto della nave Diciotti della Guardia costiera italiana», ha ricordato Conte, «molti dei migranti soccorsi sarebbero morti. Lo dimostra la ricognizione di un velivolo della Guardia costiera in zona, che aveva rilevato chiare tracce di un affondamento, quali iridescenze da idrocarburi, diversi giubbotti di salvataggio ed elementi strutturali di un'imbarcazione. La vicenda Diciotti», ha aggiunto Conte, «non è stata una bella pagina per l'Europa, che ha perso l'occasione per dare concretezza a quei principi di solidarietà e responsabilità che vengono costantemente evocati come valori fondamentali dell'ordinamento europeo».

Non si è fatta attendere la replica del governo di Malta, che attraverso una nota ha definito «inaccurati» i commenti del premier italiano, replicando che «il governo italiano aveva la piena responsabilità dello sbarco secondo il diritto internazione ed europeo. Malta», ha aggiunto il governo guidato da Joseph Muscat, «rinnova il suo invito a continuare con la cooperazione internazionale e a smettere con pubbliche dichiarazioni che sono false».

Idea francese: «Lezioni di arabo a scuola»


Insegnare l'arabo dalle elementari per combattere l'islam radicale? È l'idea avanzata dal dall'Institut Montaigne, un think thank francese che opera per la coesione sociale. La proposta è contenuta in un rapporto presentato il 9 settembre scorso.

Oltre all'insegnamento della lingua araba, è stata proposta anche la creazione di una associazione per i musulmani francesi e l'istituzione di una «tassa halal» per finanziare la costruzione di moschee. Già perché in Francia, come in altri paesi, la costruzione di luoghi di culto o centri studi musulmani è spesso finanziata dall'estero e non sempre è nota l'origine dei finanziamenti. Questo fatto ha provocato diversi problemi, tra i quali figura la moltiplicazione di moschee dove imperversano imam radicali.

Tra i commenti seguiti alla pubblicazione del rapporto dell'Institut Montaigne ha fatto scalpore quello di Jean Michel Blanquer, ministro dell'istruzione francese. Durante un'intervista ai microfoni di Bfm tv, ha lasciato molti telespettatori a bocca aperta.

«L'arabo», ha detto il ministro, «una lingua molto importante, come altre grandi lingue di civilizzazione, penso al cinese o al russo. Bisogna dare prestigio all'insegnamento di queste lingue», ha aggiunto Jean Michel Blanquer, «questo è particolarmente vero per l'arabo che è una grande lingua letteraria e che non deve essere imparata solamente da persone di origine magrebina o dei Paesi arabi. Condurremo tutta questa strategia qualitativa nei confronti della lingua araba"».

Le reazioni alle parole del ministro non si sono fatte attendere. Tra queste una delle più importanti è stata quella del filosofo di destra Luc Ferry che, tra l'altro ha ricoperto il ruolo di ministro dell'Istruzione in passato. «Si tratta di lottare contro l'islamismo o di farlo entrare nell'educazione nazionale?», si è chiesto Ferry. «Ci sono pochissimi controlli sulla selezione dei professori. Chi insegnerà? È una buona idea per combattere l'islamizzazione della Francia? Non lo so».

Blanquer ha ripreso la parola lamentando una strumentalizzazione da parte della stampa e precisando meglio le sue idee. «La Francia riprenda il controllo sulle persone che insegnano queste lingue», ha detto negli studi di TF1, aggiungendo di volere «più insegnanti certificati dalla pubblica istruzione».

Al di là di queste precisazioni, il modo in cui è stato interpretato il messaggio di uno dei ministri più importanti di Macron è sintomatico della tensione latente legata ai timori di diffusione dell'integralismo islamico in Francia. Un integralismo che si manifesta sempre più spesso anche se le autorità e i media preferiscono parlare di «casi isolati», di «lupi solitari» o di «squilibrati». Certo bisogna evitare di fare di tutta l'erba un fascio ma fanno riflettere i fatti di cronaca di attacchi all'arma bianca diventati quasi quotidiani. Solo in quest'ultima settimana se ne sono registrati due ai quali si è aggiunto uno sfondamento di barriere di sicurezza. Nella serata del 9 settembre un cittadino afghano ha aggredito con un coltello dei passanti nel 19° arrondissement di Parigi, ferendone anche in modo grave sette. Secondo Le Figaro, una fonte giudiziaria ha detto che «la pista terrorista non è stata considerata in questa fase ma la sezione antiterrorismo del tribunale di Parigi segue da vicino la procedura in corso».

Il venerdi precedente, vicineo al liceo Joffre di Montpellier, alcuni alunni delle scuole medie sono stati aggrediti da un cittadino albanese, un genitore è stato accoltellato. Il 10 settembre un uomo, all'aeroporto di Lione, ha sfondato i recinti di sicurezza con un'auto ed è stato inseguito dalla polizia sulle piste d'atterraggio.

Se i legami con i movimenti dell'islam radicale non sono sempre attestati, quello che sembra essere chiaro è che la sicurezza in Francia non è migliorata dopo gli attentati del 2015. Questo i cittadini lo constatano facilmente. Per questa ragione l'idea di far entrare nelle scuole l'insegnamento dell'arabo senza troppo controllo non può essere vissuta serenamente.

A Verona convegno sui profughi Lgbt


Tanto tuonò che piovve. Goccioloni di gender a profusione, un diluvio di buoni propositi per garantire asilo agli emigranti Lgbt. Cancellato lo scorso maggio per decisione del rettore dell'Università di Verona, Nicola Sartor, il seminario «Richiedenti asilo. Identità di genere e orientamento sessuale» avrà luogo il 21 settembre. Alla faccia delle proteste della Lega, di Forza Nuova e Casapound, che si erano opposti all'iniziativa. L'incontro si farà in riva all'Adige con la benedizione del responsabile dell'ateneo, che aprirà i lavori dopo averli cancellati pochi mesi fa. «Ho dovuto disporre la sospensione della giornata, rinviando l'approfondimento dei suoi contenuti scientifici a data da destinarsi. L'evento è uscito dall'ambito scientifico per diventare terreno di contrasto e soprattutto di ricerca di visibilità per diversi attivisti di varia estrazione», si leggeva nel comunicato di Sartor. Deve aver cambiato idea il magnifico rettore, già sottosegretario all'economia nel secondo governo Prodi. O avrà pensato che l'ondata di critiche dal mondo arcobaleno potevano nuocere all'immagine dell'ateneo. Sta di fatto che nel calendario di fine settembre, prima che l'attività didattica riprenda a pieno ritmo ricompare la giornata di studio.

Con una piccola novità rispetto alla programmazione di maggio, sparisce dall'elenco dei relatori il direttore di Politesse (Politiche e teorie della sessualità), Lorenzo Bernini, che rimane l'organizzatore dell'evento. Professore associato di filosofia politica presso l'ateneo di Verona, Bernini suscita molte polemiche per i suoi seminari e lezioni gender. Altri occuperanno la scena, come Baldassare Pastore, già preside della facoltà di giurisprudenza a Ferrara, che ragionerà su «Soggetti di diritto e vulnerabilità: un percorso di ricerca». Il docente di origini trapanesi nel 2015 ottenne dal ministero dell'Istruzione 601.604 euro di finanziamenti Prin (progetti di ricerca di interesse nazionale), per studi in materia di disabilità e inclusione sociale. Di questi, la fetta più grossa (121.313 euro) andarono al coordinatore Pastore, gli altri finirono ripartiti tra gli atenei di Napoli, Salerno, Enna, Firenze, Bologna, Milano, Padova, Modena e Reggio Emilia, Verona.

La partner scaligera del professore è Olivia Guaraldo, associata di filosofia politica. Il suo intervento, dopo la pausa pranzo, sarà incentrato su «Soggettività migranti Lgbt: percorsi di esistenza e di resistenza». Seguirà l'atteso tema della «Vulnerabilità come strumento di governo dei soggetti migranti Lgbt», sviscerato da Massimo Prearo del gruppo di ricerca Prin 2015, esperto in movimenti e pensiero queer. A cotanti oratori si aggiungeranno dissertazioni su «Culture, corpi e sessualità in movimento: per un approccio etnografico transnazionale» e relazioni sul lavoro, svolto con migranti trans, da Arcigay, Circolo Pink refugees, Gruppo ascolto giovani arcobaleno (Gaga). Non mancheranno lezioni di protezione internazionale «in ragione dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere».

Spiegheranno ricercatori e attivisti che, grazie anche alla sentenza dello scorso gennaio della Corte di giustizia Ue, sta aumentando il numero di migranti che si fingono gay per ottenere lo status di rifugiato? I test psicologici per accertare l'orientamento sessuale violano i diritti umani dei richiedenti asilo, secondo i giudici di Lussemburgo. Le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale sanno che l'Italia è invasa da una valanga di domande di finti profughi, i cittadini forse no.


In primo piano

Lo schiaffo di Toninelli ai Benetton: sul ponte affido diretto a Fincantieri

  • Il ministro delle Infrastrutture prepara il decreto per tagliare fuori Atlantia dalla ricostruzione. Se Bruxelles si mette di mezzo, si ripiegherà su una gara ristretta. Nessun passo verso Giovanni Toti e Giovanni Tria sceglie il no comment.
  • Interrogatori: venti dirigenti indagati attesi in Procura a partire da venerdì. Convocati i vertici di Autostrade, ministero, Spea e dei provveditorati regionali.
  • Calcinacci giù dal viadotto della A24. Le strade continuano a perdere i pezzi: blocchi di calcestruzzo sulla Roma-Teramo, vicino all'Aquila. Non ci sono feriti, ma i vigili del fuoco rilevano un degrado strutturale.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

L’eredità della sinistra sui rimpatri: nessun accordo con i Paesi africani

LaPresse

  • Espellere gli immigrati è quasi impossibile perché mancano i patti con i principali Stati di partenza: Eritrea, Niger, Gambia. Marco Minniti intrecciò fragili rapporti con alcune tribù libiche. Matteo Salvini: «Prime intese entro l'autunno».
  • Bombe a Tripoli, Enzo Moavero Milanesi da Khalifa Haftar. Attacco kamikaze contro la National oil corporation, otto morti. Fayez Al Serraj accusa l'Isis. Il ministro a Bengasi dal generale che controlla la Cirenaica: «Parlato di pace».

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Sicuri di voler ricordare Astori dedicandogli una regola infranta?

I giocatori della Fiorentina contro la disposizione sulle fasce da capitano uguali per tutti: «Pagheremo le multe, sulla nostra ci sarà Davide». Ma lui, da vero leader, rispettava le norme. È tempo che lo facciano anche gli altri.
In primo piano

Autostrade e ministero: i 20 indagati per il Morandi rischiano 30 anni di cella

LaPresse

  • I pm di Genova hanno iscritto Aspi, i suoi vertici e pure i dirigenti dei Trasporti. Alle accuse si aggiunge l'omicidio stradale. Decisivi i verbali dei cda e le chat.
  • Pronti i daspo a vita per i corrotti. Il governo vara il disegno di legge sui reati contro la Pa: con condanne sopra i due anni niente più affari con gli enti pubblici. Testo ammorbidito ma Matteo Salvini assente dal Cdm.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

«Ma quali profughi da soccorrere. L’Europa abusa del diritto di asilo»

LaPresse

  • In uscita anche in Italia il libro politicamente scorretto di Stephen Smith, nel quale vengono demoliti i miti sull'accoglienza: «Gli stranieri non ci pagano le pensioni. Non escludiamo il ritorno ai protettorati».
  • A novembre si terrà nel nostro Paese una conferenza di pace sulla situazione nello Stato nordafricano. Solo dopo il summit il governo metterà mano al cambio dei vertici dei servizi. Intanto, persino le milizie dicono: «Qui Parigi c'è, voi invece no».

Lo speciale contiene due articoli

In primo piano

Volete acqua e luce? Prendetevi i rom. Il ricatto di Orlando al rione di Palermo

LaPresse

Il quartiere Pagliarielli rifiuta i nomadi, il sindaco Leoluca Orlando offre in cambio rete idrica e illuminazione. Che avrebbe dovuto fornire da un pezzo.
In primo piano

L’Onu: raggiunta una tregua a Tripoli. E il Califfato cerca di fare proseliti

LaPresse

  • Dopo una giornata di scontri, le Nazioni unite annunciano l'accordo tra le milizie per il cessate il fuoco. Colpito centro di detenzione: 1.800 migranti in fuga. Pericolo «foreign fighter» di rientro da Iraq e Siria.
  • Il governo scommette sulla pace. Summit ristretto per l'emergenza libica guidato da Giuseppe Conte: la linea è sostenere fino all'ultimo l'esecutivo tripolino. Sul tavolo la possibile nuova ondata di sbarchi.
  • Vladimir Putin si fa beffe dell'alt di Donald Trump e scatena i bombardieri sulla Siria. Mosca, appoggiata dall'Iran, picchia duro su Idlib. Venerdì trilaterale con la Turchia.
  • Emmanuel Macron cerca gloria in Nord Africa ma in patria fallisce. Un secondo ministro si dimette, mentre i consensi del presidente sono persino più bassi di quelli di Hollande nello stesso periodo.

Lo speciale contiene quattro articoli.