Adriano Scianca
In primo piano

Trenta difende il generale nemico dei confini

LaPresse

Il ministro Elisabetta Trenta si schiera con il capo di Stato maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli: «Sue frasi strumentalizzate, voleva solo dire che il mondo è cambiato». Ma il video la smentisce. Malcontento nel mondo militare: «Allora perché non abolite l'esercito?»
In primo piano

Il generale: «Difendere i confini non serve»

LaPresse

Il nuovo capo di Stato maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli, attacca a sorpresa il «nazionalismo» e spiega che la salvaguardia delle frontiere è un relitto del passato. E allora quale è la funzione dell'esercito? È utile, dice, per «tutelare la libertà di muoversi».
In primo piano

«Invitai io Casalino a parlare. Le frasi choc sui Down? Voleva provocare i ragazzi»

LaPresse

La versione di Enrico Fedocci, organizzatore della lezione in cui l'ex Gf attaccò anziani ed ebrei. «Faceva quello sopra le righe, eravamo d'accordo. Chi lo critica cerca lo scandalo».
In primo piano

Nel Canada liberal è lo Stato a decidere quando devi morire

LaPresse

Una donna malata sceglie di farla finita, ma viene costretta ad anticipare il decesso per i cavilli della legge sull'eutanasia. Ciò che è capitato a Audrey Parker, tuttavia, rende bene l'idea dei vicoli ciechi in cui ci si può andare a cacciare percorrendo questa strada senza troppi freni.
In primo piano

La Francia muore d’immigrazione. E pure a sinistra se ne accorgono

LaPresse

Nelle librerie transalpine l'ultimo saggio choc di Laurent Obertone, pieno di statistiche sul fallimento della «convivenza» con gli stranieri. Una realtà oggi riconosciuta anche dai giornalisti di «Le Monde».
In primo piano

Dialogo con gruppi gay nel santuario. I fedeli raccolgono firme di protesta

LaPresse

A Caravaggio, nella Bergamasca, le diocesi aprono un tavolo di confronto con le «realtà cattoliche Lgbt». I parrocchiani sottoscrivono un documento di sdegno: «Su questi temi, il catechismo dice altre cose».
In primo piano

Dal Manzoni a Riace quante falsità spacciate nelle aule

LaPresse

  • L'autore dei Promessi sposi era filo Ue, Mimmo Lucano un eroe. Ecco la propaganda che abbiamo trovato sfogliando i tomi.
  • «Quei manuali sono armi politiche». Secondo lo studioso Marco Gervasoni «gli autori di oggi fanno un sacco di errori, ma tutti orientati in un solo senso. Hanno un'unica concezione della storia: quella raccontata da loro».

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

«La Francia è inqualificabile. Sconfina pure a Ventimiglia»

Parla monsignor Antonio Suetta il vescovo della cittadina ligure: «C'è un piano per alterare tutte le identità. Accogliere è giusto, ma senza snaturarsi. La stampa cattolica su Salvini sbaglia».
In primo piano

Attacco a Pro Vita. «Via quei manifesti, sono uno choc per chi li osserva»

Surreale ingiunzione dell'Istituto di autodisciplina pubblicitaria per i cartelloni contro l'utero in affitto. «Il trattamento riservato al bambino - la marchiatura con il codice a barre, il volto straziato dal pianto e dalla disperazione - ad avviso dell'organo di controllo, trascende la necessaria esigenza di informazione e si traduce in un'offesa della sua dignità». Il presidente dell'associazione Toni Brandi: «Andremo avanti, noi siamo in regola con le leggi».