All’«Espresso» arruolano Bergoglio. E lui li beffa parlando contro l’aborto - La Verità
Home
In primo piano

All’«Espresso» arruolano Bergoglio. E lui li beffa parlando contro l’aborto

Ansa

Il settimanale di sinistra mette in copertina il Papa in costume da Zorro nominandolo leader dell'opposizione. La sinistra s'indigna per i rosari di Matteo Salvini. Poi coccola il Pontefice, ma non quando si batte in difesa della vita.
In primo piano

Il Rottamatore ruba la scena a Zingaretti. E usa l’inciucio per riprendersi il Pd

Ansa

Il Bullo: «Non entrerò nel governo. Connivenza fra il mio partito e la Lega». Il segretario: «Conte deve riconoscere i suoi errori».
In primo piano

Renzi vuol fare il commissario Ue

Ansa

Anche io, al pari di Luca Ricolfi che lo ha detto ieri su questo giornale a Maurizio Caverzan, penso che la capriola di Matteo Renzi a favore di un governo con il Movimento 5 stelle sia tra le più spregiudicate della storia repubblicana.
In primo piano

Arriva Prodi e invoca il grande inciucio. Casini e Gianni Letta: «Dentro pure il Cav»

Ansa

Il Prof vuole la coalizione Ursula, come lo storico consigliere Sabino Cassese piega la Costituzione: «Si vota solo ogni cinque anni».
In primo piano

Zingaretti frena per non consegnarsi a Renzi

Ansa

Mentre il Bullo rilascia interviste all'estero per accreditarsi come padre della patria, il segretario pd nicchia sul governo giallorosso: «Non ho contatti con il M5s». Pesano la minaccia di scissione di Carlo Calenda e i voti del Giglio magico: «Ci stacca la spina quando vuole».
In primo piano

Renzi lavora al papocchio anche in francese

Ansa

Il senatore semplice, intervistato su Le Monde, tratteggia la strategia di avvicinamento ai grillini: «Sembrano aver cambiato, speriamo in maniera duratura, orientamento». Poi su Facebook veste i panni del salvatore: «Un governo per evitare il salasso Iva».
In primo piano

Arriva il governo dell’invasione

Ansa

Ci mancava solo Massimo D'Alema a far da levatrice al governo della vergogna. Ma l'ex presidente del Consiglio ed ex ministro degli Esteri che andava a braccetto con gli hezbollah, alla fine è arrivato a benedire la nascita di un nuovo esecutivo 5 stelle-Pd. Lo ha fatto ricordando che 24 anni fa un colpo di mano, sotto gli occhi compiaciuti di Oscar Luigi Scalfaro, portò alla nascita del governo di Lamberto Dini, mettendo in un angolo Silvio Berlusconi, che aveva vinto le elezioni del 1994, e aprendo la strada alla successiva vittoria di Romano Prodi.
In primo piano

Il Giglio magico passerà l’autunno alla sbarra

Ansa

Matteo Renzi ha un motivo familiare per voler tornare al governo: a settembre e ottobre sono attese sentenze e udienze decisive dei processi a babbo e mamma. Vanno avanti anche i procedimenti contro i fedelissimi, da Luca Lotti a papà Boschi e Francesco Bonifazi.
In primo piano

Il Bullo Pinocchio non mantiene le promesse «per il bene del Paese»

Ansa

Dal mancato addio alla politica all'abolizione dell'articolo 18, la scusa per giustificare le sue giravolte è sempre la stessa.